Portella della Ginestra - 1 maggio 1947


Solo le immagini di un grande artista come Renato Guttuso e le parole di un poeta come Ignazio Buttitta possono rendere con efficacia l’orrore di una strage:

 

A tappitu e a vintagghiu,

mitragghiavunu li genti

comi fauci ca meti

cu lu focu ‘nni li denti. […]

C’è cu chiama, c’è cu cerca,

c’è cu chianci e grida aiutu !

Cu li vrazza jsa all’aria

pi difìsa comu scutu. […]

C’è cu cadi e nun si susi

nchiudi l’occhi e resta mortu;

cu si mancia a muzzicona

petri ed erba e quagghia tortu. […]

E li morti foru vinti,

vinti morti a la Purtedda

come pecuri a crapetti

ammazzati supra l’erba[3].